Capillari delle gambe, cause e trattamento

Tra gli inestetismi in assoluto più fastidiosi e temuti, soprattutto dalla popolazione femminile, vi sono sicuramente i capillari delle gambe.

Chiamati propriamente teleangectasie, essi sono dovuti ad un’eccessiva pressione nel circolo venoso periferico che ne determina la dilatazione; questa condizione determina la formazione di un sottile reticolo violaceo che quindi è dovuto all’eccesso di sangue presente nel vaso.

La sede di presentazione tipica è quella dell’esterno coscia e della zona subito superiore al malleolo mediale della caviglia, anche se non è raro il riscontro di teleangectasie anche in altre zone come la fossa poplitea (la losanga di cute retrostante al ginocchio).

Nella maggior parte dei casi, i capillari evidenti rappresentano un problema di natura prettamente estetica, tuttavia in alcuni casi essi possono costituire un vero e proprio campanello d’allarme per patologie vascolari che potrebbero richiedere un approfondimento.

Cose sono le teleangectasie o capillari evidenti

Le teleangectasie sono definite come la cronica dilatazione di un capillare o di una venula superficiale in assenza di neo-angiogenesi. Differiscono dalle più vistose varici per la dimensione minore e per il carattere della dilatazione, che nel secondo caso è configurabile più che altro come “sfiancamento”.

Da un punto di vista estetico sono riconoscibili sulla superficie delle gambe come un reticolato di colore scuro e di modesta superficie, spesso localizzato in alcune zone tipiche quali:

  • Fossa poplitea (parte interna del ginocchio)
  • Malleolo mediale (lato interno della caviglia)
  • Parte esterna della coscia.

Il calibro delle venule interessate varia tra 0,3 e 1,5 millimetri, ed il colore del reticolo può andare dal rosso, al bluastro, al violaceo fino al verdone.

Cause dei capillari sulle gambe

La causa delle teleangectasie è da ricondursi ad un aumento pressorio nel circolo venoso della zona di insorgenza, che determina la dilatazione dei capillari e quindi la formazione del reticolo.

Nonostante questa condizione non sia solitamente riconducibile ad alterazioni patologiche degne di nota, in alcuni casi essa può essere la manifestazione di un problema vascolare rilevante, che andrà diagnosticato e curato con priorità maggiore rispetto ai trattamenti di natura estetica.

Alcune delle cause che possono determinare la formazione delle teleangectasie sono:

  • Gravidanze in corso o gravidanze passate
  • Età superiore ai 50 anni
  • Familiarità
  • Sesso femminile
  • Alterazioni ormonali
    • aumento dei livelli di estrogeni e progesterone (ad esempio in chi assume la pillola anticoncezionale)
    • riduzione dei livelli di estrogeni e progesterone (ad esempio in menopausa)
  • Insufficienza venosa cronica, a sua volta legata a:
    • età avanzata
    • stato di obesità
    • stile di vita sedentario
  • Stile di vita poco attivo
  • Attività professionale svolta in piedi o vicino a fonti di calore (ad esempio il forno).

Sono invece cause minori:

  • Eccessiva esposizione al sole o comunque a temperature elevate
  • Traumi accidentali dell’arto inferiore
  • Alcolismo cronico
  • Malattie del fegato
  • Concomitante presenza di cellulite.

Da un punto di vista medico (e non strettamente estetico) va sottolineato che la presenza di teleangectasie rappresenta un primissimo stadio di insufficienza venosa cronica dell’arto inferiore, ed in quanto tale è importante monitorare nel tempo la condizione confrontandosi con il proprio Medico curante per prevenire le conseguenze del caso (vene varicose, ulcere venose…).

Trattamento dei capillari delle gambe

Prima ancora di pensare alla rimozione delle teleangectasie, occorre fare un passo indietro ed accertarsi della diagnosi, avendo cura di inquadrare il caso in un eventuale contesto patologico maggiore: la cura della causa scatenante, infatti, potrebbe determinare un concomitante ed immediato miglioramento del quadro estetico (alcuni esempi sono l’insufficienza venosa cronica e la teleangectasia vicina ad aree di cellulite).

Il trattamento delle teleangectasie deve quindi essere scelto sulla base della situazione di ogni singolo paziente, basandosi sulla severità dei sintomi e sulla causa patologica che ne sta alla base.

Scleroterapia o terapia sclerosante

La scleroterapia consiste nell’iniezione di una particolare sostanza all’interno dei capillari che ne determina l’occlusione e la scomparsa, a causa di un processo infiammatorio che ne media la morte controllata. Si effettua tramite semplici punture con un ago molto sottile.

Di solito servono sedute multiple, che vanno separate in intervalli lunghi circa 4 settimane tra un intervento e l’altro. Si effettuano senza anestesia e vengono effettuate in regime ambulatoriale.

Terapia farmacologica

Qualora non vi siano i presupposti per l’adozione delle metodiche invasive di trattamento delle teleangectasie, l’Angiologo potrà prescrivere specifici farmaci fleboprotettori (come l’oxerutina o il venoruton) che potrebbero migliorare sensibilmente il decorso della condizione.

Trattamento dei capillari delle gambe a Napoli con CardioCenter

Da CardioCenter a Napoli è possibile eseguire sia la visita angiologica che la scleroterapia per il trattamento dei capillari delle gambe. Le prestazioni si eseguono in regime privato.

Contattaci per prenotare un esame, una visita o per richiedere maggiori informazioni.

Avviso agli utenti
Le informazioni contenute in questa pagina sono pubblicate solo a scopo informativo e non possono sostituire in alcun caso il parere del medico.

Responsabilità dei contenutiSupervisione editoriale e scientifica
Dr Giuseppe Lavecchia – Specialista in Cardiologia
Dr Maurizio Lombardi – Specialista in Angiologia
Redazione dei contenuti medici: InClinicRiproduzione vietata

Bibliografia

Sandean DP, Winters R. Spider Veins. [Updated 2021 Dec 29]. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2022 Jan-. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK563218/

Condividi questo articolo

Lascia un commento